i-read: Lo scalpellino

Fare la pendolare in treno ha un innegabile vantaggio: hai del tempo per leggere! Non sempre riesco a sfruttare tutto quello a disposizione, ma almeno una parte si! Questo in particolare l'ho letto molto in treno. Nonostante le dimensioni non proprio leggere, me lo sono "strascinato" avanti e indietro.
Come avrete capito ci son rimasta sotto con la saga della Lackberg, e visto che pare che l'ultimo sia il migliore vi toccherà  subire altre recensioni. Il libro è godibile, anche se non ho tanto apprezzatto l'espediente di un capitolo nel presente e uno nel passato, visto che era già stato usato nel romanzo precedente. Certo, l'uso fatto qui è un filo differente, le due storie si intrecciano meno. Nonostante ciò il romanzo tiene. Credo che il pregio più grande dell'autrice sia mantenere la tensione senza sensazionalismi... non so se mi son spiegata. La trama, però, in questo caso è dolente. Da quando sono mamma le storie in cui ci sono dei bambini di mezzo mi fanno sanguinare il cuore a prescindere!
Voto complessivo? 7 e 1/2. Coinvolgente, godibile, ma non sensazionale. Il finale (furbo) mi obbliga a comprare (o tentare di trovare in biblioteca) velocemente il prossimo volume! Per cui preparatevi all'uccello del malaguario!
Questo post partecipa al venerdi del libro di Paola (homemademamma)
Share on Google Plus

About ...ma la notte no!

    Blogger Comment
    Facebook Comment

10 commenti:

  1. Grazie per la recensione!!! Ahhhhh ecco il tuo segreto! Leggi in treno! Io dovrei scegliere tra il pc e la lettura per poter continuare a farlo! Solo che il pc mi permette anche di affacciarmi al mondo per qlc minuto, visto che sono 2 anni e mezzo che non riesco a vedere un tg o una trasmissione! La nostra tv? ha solo 2 canali! Rai yo yo e cartoonito!!!! Anzi che il digitale ci doveva dare una marea di canali nuovi!!!!! ahahahahaha un abbraccio Luci! Stamani sono mezza e mezza... notte insonne a controllare la febbre alta alla piccoletta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma allora abbiamo lo stesso modello di tv! quella con solo due canali! in realtà il treno mi aiuta, ma riesco a leggere mentre faccio le cose! mio marito mi piglia sempre in giro per questo! "Ti distrai un secondo e te la ritrovi che con una mano gira il sugo e con l'altra regge il libro!!!"

      Elimina
    2. Ahahahah, anch'io che non sono mamma ho questo vizio! Quando un libro mi prende passerei tutta la giornata a leggerlo, e dato che non è fattibile finisco per leggere nei momenti più assurdi.
      Il treno aiuta molto, ma ci vuole una certa capacità di concentrazione: io quando la gente parla troppo forte non riesco a leggere, e per di più non sopporto certi rumori: gomme masticate rumorosamente, gente che si gratta via lo smalto (sul serio!) e cose simili mi costringono a smettere di leggere e cominciare ad ascoltare musica, onde evitare una crisi di nervi.

      Elimina
  2. Il treno aiuta molto anche me, è uno dei pochi vantaggi del pendolarismo. Anche io l'ho letto, e devo dire che concordo con te: questa tecnica non si sopporta più. Oramai la Lackberg è diventata terribilmente prevedibile. Nell'ultimo si riprende un po', comunque, pur restando estremamente main stream. Ma resta un ottimo libro da treno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho appena comprato il 4 formato ebook, perchè devo sapere dove sbocca la storia, soprattutto se il 5 vale la pena!

      Elimina
  3. Anche a me si e' chiuso un po' lo stomaco x lo stesso motivo...comunque confermo che l'ultimo e' un gradino sopra agli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. leggo il 4 e poi cerco di prenderlo in biblioteca!

      Elimina
  4. Il treno aiuta per tante cose, leggere, riposarsi ma soprattutto pensare. Ora che nn sono piu pendolare da un pò mi riesce leggere solo un pò la sera ma il piu delle volte crollo anzi vado in "coma profondo" :(

    RispondiElimina
  5. Che dire...questa cosa dell'alternanza tra passato e presente è proprio un tratto distintivo della Lackberg, lo ritrovi in tutti i libri. A me personalmente piace molto, soprattutto perché man mano che la narrazione prosegue l'intreccio tra le due storie si fa sempre più chiaro.
    Anch'io ho fatto molta fatica a leggere alcune pagine di questo, alcune volte mi mettevo proprio a piangere.
    Comunque, come ti ho detto ancora, mi è strapiaciuto. E ti invidio un po' i viaggi in treno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. contavo in un tuo commento positivo perchè ricordavo che a te piace particolarmente la Lackberg!
      per l'invidia da treno.. ieri ho fatto 100 minuti di ritardo! ero pure senza macchina con il pupo da recuperare al lavoro di mio marito... uscita di ufficio alle 2 sono arrivata a casa alle 6 e mezza!

      Elimina