Lettera firmata

Caro signor sindaco,
sono la mamma di un bambino che ha felicemente frequentato per due anni uno dei nostri sette meravigliosi nidi comunali. Ho saputo che forse, però, questo autentico gioiello che abbiamo è messo in pericolo. Non si sa se l'anno prossimo l'orario sarò ridotto. Non si sa se saranno ridotte le classi. Non si sa se verrano "esternalizzati" alcuni servizi (leggi: chiudiamo le mense). Non si sa, e già questo mi sembra un notevole disservizio. 

Ho sempre pensato che i nidi comunali fossero il servizio migliore che offrisse il comune. Posso fare paragoni, mi creda. Sette nidi in un comune medio piccolo, maestre e personale di complemento  preparate e aggiornate: cosa volere di più? "Il mio comune fa politiche per le donne". L'ho sempre pensato. Come ho sempre apprezzato l'attenzione all'alimentazione, grazie alle modalità di acquisto diretto e al personale interno. A quanto pare non potrò più esserne orgogliosa! 
Certamente lei mi dirà che è colpa dei tagli. Dell'IMU sospesa probabilmente. Che avete dovuto già una volta alzare le rette e un nuovo aumento è impensabile. Che non si sono abbastanza soldi e altri servizi devono essere mantenuti e questo per tanto tempo è stato protetto. Ecco, io posso capire la situazione, posso capire la contingenza, ma non mi sta bene lo stesso. Non tutti i servizi comunali sono ineccepibili, per cui perchè tagliare proprio li dove siamo più bravi? Perchè? 
Mio figlio a settembre andrà alla materna. Questo non dovrebbe essere un mio problema, ma sono stufa di proclami e quota. Sono stufa che si rovini quello che di buono è stato fatto. Non è giusto che si buttino via le buone politiche fatte fino ad oggi. Più che ingiusto è stupido. 

Lucia Malanotteno 


Questa lettera verrà inviata quanto prima al mio Sindaco e probabilmente al giornale locale, se "non mi si filerà di pezza"! Spero di ottenere almeno un appuntamento come Barbara! Vedremo: vi tengo aggiornate!
Share on Google Plus

About ...ma la notte no!

    Blogger Comment
    Facebook Comment

13 commenti:

  1. per tirarti su il morale, nel mio comune stanno tagliando sulle mense scolastiche, quest'anno le scuole materne non hanno fatto neanche una gita perchè il comune non può pagare più nemmeno i pulmini, l'anno prossimo si pagherà una tassa di iscrizione, oltre a tutte le spese di acquisti di beni di prima necessità e cancelleria che ogni anno ci toccano per compensare le mancanze della scuola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche da noi stanno tagliando da anni, ma i nidi si erano sempre salvati e sono veramente un'eccellenza. significa non capire di gettare nel cesso anni e anni di lavoro...

      Elimina
  2. Sei una forza e lo farai e lo otterrai. Nel mio di comune purtroppo i nidi comunali non esistono, c'è solo qualche struttura para comunale con una lista d'attesa lunga come la A1, che ci ha visto costretti al privato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco appunto... avere una situazione migliore e smontarla... non so che otterò ma di sicuro non mollo facilmente!

      Elimina
  3. bhe vuoi che ti dico la mia...
    allora mattia frequentera' la materna a settembre come il tuo ( wuauuuuu), la cosa che mi ha fatto rimanere basita alla riunione per l inserimento e' stata l orario d entrata dei piccoli...
    l orario sarebbe dalle otto e mezza alle quattro...io pago 130 euro per queste ore..ok ?
    negli altri ASILI pagano la stessa cifra e fanno le stesse ore..
    una mamma alla riunione ha fatto notare che non e' possibile mandare i bimbi a quell ora che chi lavora gli orari di entrata sono alle otto...e non alle otto e trenta.
    e quindi si deve pagare una sovra tassa...
    non mi sembra corretto qui secondo me ci marciano sopra..e quindi ne guadagnano a mio parere..
    perche' quale mamma lavoratrice dipendente porta il figlio alle otto e trenta nove...pochissime..
    e guarda che il problema non e' il mio perche' essendo autonoma posso portarlo anche alle nove, ma metti caso che faccio il secondo e quest ultimo si ammala..il mio compagno deve per dire portare mattia alla materna e non puo' chidere permessi di mezzora per piu' giorni..

    RispondiElimina
  4. "E al mio via: scatenate l'inferno" disse qualcuno.
    Lucia tengo le dita incrociate per te,
    fammi sapere.
    B.

    RispondiElimina
  5. Arghh... Che orrore e tristezza! Brava però tu che scrivi e ti fai viva! (non ti dico i problemi qui a Roma...e meno male che ho il marito nonvedente e quindi disponibile che sopperisce alle mancanze pubbliche e lui non ci vede! Pazzesco!)

    RispondiElimina
  6. Ops mi sembrava di averti lasciato un commento :( ma allora è vero che son di fori!! Vabbè ti avevo scritto (forse solo mentalmente aihmè) che hai fatto proprio bene! Basta tacere e il Sindaco deve sapere e se rifiuta l'incontro vai diritta con la pubblicazione della lettera :)

    RispondiElimina
  7. Brava Lucia....e in bocca al lupo per il risultato, ma assolutamente PARLARE! Mai tacere! Un bacio

    RispondiElimina
  8. Che tristezza! Per fortuna, ci sono quelle come te, che hanno il coraggio di metterci la faccia!

    RispondiElimina
  9. davvero molto carino il tuo blog, ti ho conosciuta grazie a Kreattiva e mi sono unita ai tuoi follower!

    se ti va, passa da me, ti aspetto!

    http://22yearsofmode.blogspot.it/

    RispondiElimina