We want sex (equality!)

Ieri ho visto uno dei film migliore degli ultimi tempi! La notizia, in realtà, sarebbe che ho visto un film, va! Di solito la sera sono in due modalità: modalità lavoro davanti al pc; modalità in coma, mezza addormentata sul divano, davanti a un talk o simile. La tv non si accende prima che il pupo dorma, per ciò o si va di film in seconda serata o niente, e di norma è niente. 
Ieri però il pupo alle 21:10 dormiva, sfinito dall'intensa giornata e per caso siamo finiti su la7.E li c'era We want sex, un  film di qualche anno fa di cui avevo letto alcune recensioni. E' la storia di 187 operaie della ford che lottarono per la parità retributiva con gli uomini, smontanto un sistema, scioperando contro tutti e vincendo la loro lotta. Il titolo deriva da un episodio vero: uno striscione di protesta con su scritto We want sex equality, che si sistema male, nascondendo l'ultima parte. Ovvio che i giornalisti ne abbiano fatto un gran parlare, no?
Bellissimo!Mi è super piaciuto. E mi ha fatto riflettere su alcune cose.
Non si ottiene niente aspettando. 
Se vuoi qualcosa devi lottare per ottenerlo. Pare scontato. Ma finchè la lotta non si fa dura non saprai se tu sarai la dura che ce la farà. Troppo spesso ci accontentiamo (mi accontento!) di quello che abbiamo per quieto vivere...
Diffida dagl amici con la "pancia piena"
Sono tutti pronti a dirti di esserti vicino, fintanto che sono "a pancia piena". Anzi: dubita di chi si spertica a dire che hai ragione e che ci si deve sacrificare tutti PRIMA che tale sacrificio è richiesto. Vedrai che saranno i primi a mollarti o a insultarti.
Non si vince da sole
Nessuna lotta può riguardare una sola categoria. Non si vince in solitaria. Le donne hanno bisogno della lotta degli uomini, gli omosessuali di quella degli etero, i migranti di quella degli stanziali. Se chi già i diritti per cui lotti non t'aiuta non ce la puoi fare. 
Che son passati 50 anni... 
...e ancora siamo qui a lottare per la parità retributiva! 


E' come dovrebbe essere... 
sono diritti non privilegi!


Share on Google Plus

About ...ma la notte no!

    Blogger Comment
    Facebook Comment

8 commenti:

  1. Ecco, adesso mi deprimo....non solo non c'è ancora la parità retributiva, ma in Francia si piacchiano tra chi vuole diritti per gli omosessuali e chi non (in Italia neppure ci si pensa,comunque)e sui giornali leggo che le donne stanno pagando più degli uomini il prezzo della crisi in termini di lavoro perso, mentre i giovani manco lo trovano...lottare sì, ma contro cosa e contro chi? Fatico a distinguere amici da nemici, ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece per fortuna mi Infervoro di più!
      certo, la sensazione di lottare contro i mulini a vento resta, ma non farlo sarebbe meglio?

      Elimina
  2. Non ho visto il film e lo farò senz'altro dopo questo tuo suggerimento.
    Sai, la parità retributiva già sarebbe il meno... magari ottenere almeno quella (reale) delle opportunità!

    RispondiElimina
  3. quoto Rachele!!! qua stiamo come 50 anni fa...

    RispondiElimina
  4. arrivo da te dal blog di economista x caso :) che dire?
    anch'io sono come te, mi infervoro su queste cose! mi inalbero quando vedo dei soprusi anche che non mi riguardano, perchè deve esistere il rispetto come esseri umani. uomini/donne di cui si parli, colore/sesso si tratti dovremmo essere tutti uguali .
    purtroppo nella realtà non è così, ma se siamo noi stessi i primi ad arrenderci e chi è nella nostra condizione non rema insieme a noi iniziano i guai.
    ho sempre pensato che il problema è l'egoismo che regna sovrano, purtroppo!!

    http://blogpercomunicare.blogspot.com/

    RispondiElimina
  5. Ero tentata di vederlo, ma poi si è fatto tardi e ho lasciato perdere, perchè no mi piace vedre film già iniziati. L aprossima volta non mi scappa!

    RispondiElimina