Dichiarazione di voto (post ad elevato potenziale di rompimento di palle)

immagine dal web
Non so se lo sapete - in tv in effetti non se parla poi così tanto!- ma tra meno di 20 giorni si andrà a votare. Vi ho colte di sorpresa, eh?
Scherzi a parte... tra meno di 20 giorni dovrò andare al seggio e, in tutta sincerità, mi trovo in grande imbarazzo. Di essere - io stessa medesima- nel novero degli indecisi mi fa molta specie, io... quella che ha sempre saputo dove si sarebbe dovuta sedere nelll'emiciclo parlamentare, quella che ha sempre scelto liberamente e mai "perchè è il male minore"... quella lì...io insomma, oggi non so per chi votare. So per chi non votare, ed è già qualcosa, no? Beh, no! Ristringe il campo ma non mi risolve un bel niente!
E allora che fare? Due cose, anzi tre. Leggere i programmi, vedere chi si candita dove e seguire un po' la pancia. Ora, nonostante il titolo, non farò una vera dichiarazione di voto, perchè questo post lo sto usando per chiarirmi le idee ma non ce l'ho così chiare. Magari mi aiutate voi. In più la pancia e la testa mi danno segnali in contrasto. Il che è male!
Allora.. andiamo per ordine... io a tre cose tengo: alle tematiche ambientali, al tema della discriminazione nel modo più ampio possibile, a che idea di Itala mi descrivi.
immagine dal web
Partiamo dall'ambiente. Più o meno tutti mettono insieme la salvaguardia con le tematiche della green economy. Ecco, anche no. Il PD lo mette insieme alla politica industriale e alle infrastrutture (?), Rivoluzione civica sta sul generico ma almeno non confonde pere con mele (e parla di tutela del territorio), Monti infila tutto sotto la green economy (ma d'altronde punta tutto sulla crescita mica sullo sviluppo!), SEL si concentra sulle rinnovabili (ok, ma sinceramente da loro mi aspettavo di più; la parte sui diritti all'ambiente e degli animali non è che m'ha così convinto) e Grillo si scorda il programma di 15 pagine presente da tempo sul sito nel trapasso ai suoi 0 punti (delusione: finora erano stati gli unici a toccare veramente le tematiche ambientali). Il programma del PDL l'ho scaricato ma, son sincera, mi è partito l'embolo solo aprendolo, e visto che questa è la mia pausa pranzo.. anche no, va! Giannino credo consideri l'ambiente ancora un vincolo all'attività economica, visto l'approccio. La Lega? La Destra di Storace? Sinceramente, la cosa più a destra che ho votato è il PD, per cui...
immagine dal web
immagine dal web
Il tema della discriminazione io l'intendo nel più ampio senso possibile. Dai diritti civili, alle disparità di genere, ai temi della cittadinanza. Su questo ultimo tema gli unici che ne parlano chiaro e tondo sono quelli del PD (SEL ci vuole che i programmi li inizi a far scrivere da qualcuno che non scriva come parla Vendola...) agli altri gliele importa poco, molto poco, una mazza lessa. Bravi, complimentoni. Sui diritti civili PD, SEL e RC non sono così distanti (anzi...), Monti e Grillo non pervenuti. Lascio in ultimo l'argomento disparità di genere, accompagnato da un caloroso e sincero: Ma andate a morì ammazzati (male possibilmente!). Bene il riferimento al femminicidio del PD, ma a me della parità negli organi dirigenti non me ne frega una mazza. Non è un tema che riquilibria la discriminazione sessuale che c'è in Italia. Voglio posti negli asili, voglio il congedo parentale per i papà di diritto (no tre giorni! Almeno 15) e più flessibilità per quello non obbligatorio nella divisione tra i genitori, premiando i casi in cui lo prendano entrambi (come succede in Svezia). Voglio maggiori garanzie per le donne precarie: estendere i casi in cui si può chiedere la maternità anche se non si lavora, controllare le imprese, perchè non licenzino (o meglio, non evitino di confermare) le donne se decidono di avere un figlio, attuare una linea dura verso chi ti domanda (è già illegale) se vuoi avere dei figli. Le nostre nonne erano"schiavizzate" dalla maternità, le nostre mamme hanno potuto decidere se, quanti e quando avere figli, la mia generazione vive l'ansia di non poter scegliere. Poi verranno le quote rosa nelle dirigenze, ma non sono proprio una priorità. Delusione piena su questi temi su SEL, Monti si chiarisca le idee, Grillo e Ingroia non pervenuti.
Quale Italia ci daranno? Ecco, qui ogni parere si mischia alle reazioni di pancia. La visione del PD la condivido almeno in parte, am sinceramente non ho fiducia nelle persone che me la propongono. Do un occhio a chi si candida alla camera nella mia regione e mi chiedo cosa sia rimasto dell'ondata di cambiamento che era stata chiesta durante le primarie (in Umbria Renzi non ha vinto per caso!). Poi a livello nazionale vogliamo parlare di Fassina l'Economista come si auto celebra sul suo sito? Suggerirei alla mia amica Chiara di fargli due ripetizioni: di solito oltre il discorsetto preparato si incarta! SEL.. non lo so... mi dico che forse sarebbe la scelta migliore anche in termini di voto utile, ma non mi convince. Condivido la spinta alla legalità di RC, ma sinceramente hanno messo insieme delle liste allucinanti. Diverse persone che stimo diluite in un maree di gente impresentabile.
immagine dal web
E infine Grillo. O meglio il movimento a 5 stelle. Ora qui ho un problema. Sono certa che molti attivisti siano brave persone, alcune anche competenti, motivate da alte intenzioni. Mio fratello è un attivista (per dire). Il problema è che non è vero che il Movimento non è Grillo. Il Movimento è Grillo ed è di Grillo. Lui è proprietario del marchio e fa il bello e il cattivo tempo. Tra l'altro non è che abbiamo esperienze grandiose di partiti personali. La gestione stalinista che attua fa si che il grosso del "popolo" conosca solo lui. Il passaggio dalle 15 pagine del vecchio programma, dove c'erano tanti spunti interessanti in tanti ambiti, è stato sostituito da 20 punti che riflettono solo la sua rabbia contro tutti e tutto. Il referendum sull'euro poi... quanto vorrei sapere che politiche monetarie e macro economiche ha in mente per il dopo ritorno alla lira! Io pure sono arrabbiata ma voglio una forza di speranza, di costruzione per il domani. Voglio una speranza, non un odio travestito da rinnovamento. Voglio qualcuno come Obama, e come sinceramente per un po' è stato Renzi (e badate che non ero d'accordo con tutto, ma c'era la spinta positiva, c'era il Facciamo, c'era una faccia nuova... ). Ok sul taglio di tutti gli sprechi, come le Provincie, ok su i due mandati, ma siamo pazzi a proporrre i referendum propositivi senza quorum? Anche questo è spreco di denaro pubblico. C'è un motivo perchè la democrazia rappresentativa funziona meglio!

Dopo questo sproloquio che vi avrà fatto due scatole tanto, torno al lavoro. Voi come state messe? Scusate lo sfogo... ma ho un magone...
Share on Google Plus

About ...ma la notte no!

    Blogger Comment
    Facebook Comment

12 commenti:

  1. malissimo sto messa! non ho letto mezzo programma, in tv sentito nulla. nell'oblio sto!
    via scarico pur'io sennò come fo a votare

    RispondiElimina
  2. In questi anni il voto è diventato sempre più difficile per me. I programmi e le persone che li realizzano devono essere un tutt'uno, coerenti, e noi veniamo da decenni di apparati clientelari e corrotti. Qualcosa è cambiato, almeno adesso alcuni temi sono apparsi nei dibattiti, almeno a parole, c'è un'attenzione più ampia al sociale inteso come diritti e giustizia. Pensa a temi come i diritti degli omosessuali, fino a pochi anni fa, facevano andare in crisi i governi!
    Realizzeranno quanto promettono? E chi lo sa!!!
    Devo solo sperare che chi voterò, realizzi ciò che del suo programma mi piace e desidero, e non realizzi ciò che non mi piace!
    Io sono credente, nella gabina elettorale, non solo pregherò Dio di guardarmi, ma soprattutto di illuminarmi!
    Vorrei farti notare che ho detto Dio, non vescovi! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho colto la sfumatura! speriamo di avere l'illuminazione...

      Elimina
    2. Ops! Mi sono accorta di avere scritto "gabina", perdono, perdono, perdono: volevo scrivere cabina!
      Sai com'è, anni di tremendo leghismo hanno lasciato il segno! ;)

      Elimina
  3. Questa volta ad andare a votare io ho paura!!!!

    RispondiElimina
  4. Oho! Grazie per la considerazione!! ;)
    Io ho deciso, anche se non sono convintissima e non credo Bersani sia all'altezza, può essere un ottimo ministro. Renzi non mi ha mai convinta ma sono certa che lui possa dare un serio contributo al partito per cui dovrebbe essere "usato" di più adesso (e lui ci guadagnerebbe senz'altro). Come giustamente dice mammapiky bisogna votare. C'è anche il rischio che ri-voteremo a breve - grazie Monti, che bel servizietto che ci hai fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prego! e son d'accordo sul bisogna.. altrimenti tutte ste pippe mentali non me le facevo! ;-)

      Elimina
  5. Io tremo al pensiero...non sono d'accordo con il programma di nessuno, Bersani mi fa letteralmente paura perchè per lui i liberi professionisti sono i lupi mannari e non condivido quasi nulla del suo programma, il B. di ritorno..non risco a commentare, quei due che dovrebbero essere magistrati ma parlano come...mi chiedo come abbiano passato il concorso, Monti prima ci tartassa in ogni modo e poi da un giorno all'altro promette di togliere tasse a tutti e tutto perchè "se ne può fare a meno" (ma come, non avevi detto il contrario qualche mese fa??) ed è di una supponenza che mi fa rabbrividire, Grillo è bravissimo a smuovere le coscienze e a fare opposizione ma a costruire dubito e il suo programma è tutto una contraddizione, Maroni mi piace ma mica è solo, anzi, è male accompagnato.
    Ci fosse stato Renzi, forse (oddio, non lo avrei mai pensato anni fa, invece ora lo scrivo pure..)
    BUIO COMPLETO
    Fronte parità tra sessi, asili, mamme,congedi parentyali, ambiente: pare non interessi a nessuno..oggi mi pare ci siano solo post negativi in rete..

    RispondiElimina
  6. capisco molto bene il tuo stato d'animo. io che sono sempre stata una grande sostenitrice del diritto/dovere di voto, che ho sempre redarguito tutti quelli che dicono di non andare a votare perchè "tanto sono tutti uguali", che ho sempre cercato di appassionarmi e sostenere i partiti che ho votato... questa volta proprio non so chi voterò... se ti devo dire quello che penso, ovviamente Berlusconi mi fa salire i conati di vomito ogni volta che ne sento parlare, non sopporto più nemmeno le battute e le vignette su di lui che trovo di pessimo gusto. voleva abbassare il livello della campagna elettorale e ci è riuscito benissimo: invece che parlare di asili nido, lavoro, parità di genere, ecc. si parla solo di quanti soldi paga alla moglie e di quanto è ridicola la promessa di restituire l'IMU. complimenti però ai tanti "di sinistra" che invece che informarsi e cercare di elevare il livello passano la giornata a condividere stupidaggini su Facebook. pensano di essere spiritosi, io lo trovo di pessimo gusto. del resto, Berlusconi proprio questo voleva. Monti, non sono mai stata una sua fan ma ho difeso alcune sue scelte, ma ora oltre a trovare la sua candidatura una caduta di stile, si sta rivelando servo del vaticano e di un certo tipo di cattolici dunque non lo prendo nemmeno in considerazione. la lega mi fa vomitare e nemmeno sto a spiegare il perchè. Grillo lo trovo pericoloso come Berlusconi. del resto, seguono gli stessi metodi: complottisti, populisti, offendono l'avversario per mancanza di argomentazioni, racconta un sacco di balle, è "sceso in politica" esclusivamente per i suoi interessi (il suo blog è peggio di Amazon quanto a libri e dvd in vendita). non mi piace questo atteggiamento violento e aggressivo, questo mandare tutti in quel posto e dire che tanto sono tutti uguali. e fra i suoi seguaci ci saranno anche tante "brave persone" e "onesti cittadini" ma non è questa una condizione sufficiente per diventare bravi politici. e poi mi dispiace, ma uno che va dietro a Beppe Grillo e alle cose che dice, a tutte quelle teorie complottistiche e antiscientifiche, per me non merita di essere preso in considerazione. Vendola ha tutto il mio appoggio per quanto riguarda i diritti civili e le questioni etiche, ma per tutto il resto mi fa cascare le braccia. Ingroia è totalmente inutile. Giannino mi piace, condivido sempre molto ciò che dice e non è vero che "consideri l'ambiente ancora un vincolo all'attività economica", o meglio se per te ecologia è quella corrente reazionaria che ci vorrebbe tutti tornare indietro di 100 anni e più forse è così. ma se ecologia significa utilizzare il progresso tecnologico e le conoscenze scientifiche per risolvere i problemi ambientali, allora ti accorgi che ecologia e attività economica possono andare d'accordo. mi frena dal votare Giannino il fatto che non voglia mettere l'accento anche sulle questioni etiche e sui diritti civili che per me sono importanti tanto quanto lo sviluppo economico e il welfare. Bersani, mi sembra che ne abbiamo già parlato, non era il candidato che mi sarei augurata. del PD tante cose non mi piacciono ma ce ne sono tante altre che voglio salvare. c'è il fatto che Renzi gli è rimasto fedele e questo per me è una spinta a dargli fiducia, non ostante le delusioni del passato. neanche Renzi incernava "perfettamente" il mio ideale di premier, ma sicuramente ci si avvicinava molto e ha avuto il merito di farmi riappassionare alla politica, oltre a farmi sperare in un ricambio generazionale e in un cambiamento che purtroppo poi non c'è stato. certo se volessi votare il candidato premier "perfetto", quello che la pensa esattamente come me, dovrei candidar eme stessa. siccome questo non è possibile (e sinceramente nemmeno mi interessa), cercherò in questi giorni di capire chi meriterà il mio voto, perchè non è vero che sono tutti uguali, anche se non siamo entusiasti non possiamo dire che uno vale l'altro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. son d'accordo praticamente su tutto! Soprattutto su la questione del "son tutti uguali!" (mi da pure urto riferita agli uomini... no, non sono tutti uguali!). Sulla questione ambiente vincolo/risorsa. Ormai tutti hanno capito che la green economy è il domani (anche se ho sentito con queste orecchie grillo dire che la chimica verde non esiste.... se non sai che è!) però non tutti hanno presente che significa la tutela e il rispetto dei vincoli. Giannino incarna una visione liberale ma anche molto liberista, dove il posto per la tutela spinta dell'ambiente in quanto tale non c'è! Ma non dico che non ci sarà tra un po'...

      Elimina
  7. io sono solo convinta su chi NON votare.
    Quanto al resto... perplessa. moooolto perplessa :-(

    RispondiElimina